Cornello

Abitanti: 560 - Altitudine: m. 460

CAMERATA CORNELLO
Il comune di Camerata sale dalla riva destra del Brembo fino alla cima del Venturosa (m. 2000), alle cui propaggini sorgono le frazioni di Brembella e Cespedosio, di vecchio stampo contadino. Qui si aprono le cave del marmo arabescato orobico, conosciuto in tutto il mondo.

Scendendo verso valle si incontrano altre contrade, tra cui Bretto, Tassi e Cornello. Quest'ultimo centro è senz'altro il più conosciuto, sia perché è patria dei Tasso, sia perché conserva ancora la suggestiva via porticata a testimonianza della strategica funzione di borgo fortificato lungo la "via mercatorum" che restò attiva fino al '600. Il diverso tracciato della Priula, che non interferì più con l'abitato, finì per isolare il Cornello che sperimentò sempre meno i fermenti di sviluppo, che abitualmente sollecitano le sedi dei mercati, ed assunse invece un carattere più tradizionalista, tipico del mondo contadino.

Così il borgo è giunto fino a noi, senza troppi cambiamenti, nella sua veste tardo-medioevale: con i portici, la piazza, la chiesa ed il campanile romanico. Oggi l'epopea dei Tasso è documentata in una sede museale - Museo Tassiano - e rivive con periodiche celebrazioni.
Biblioteca: Via Papa Giovanni XXIII, 7
Arte e cultura:
Parrocchiale dell'Assunta con
- Pala dell'Assunzione della maniera del Cifrondi ('700)
- Angelo Custode di Carlo Ceresa ('600)
- S. Antonio da Padova di Carlo Ceresa
- Madonna del Rosario di Francesco Zucco ('600)
- Sposalizio e Morte di Maria, tele anonime del '700
Al Cornello:
Chiesa dei SS. Cornelio e Cipriano con affreschi del '400 e dipinti seicenteschi
Via Porticata
Museo Tassiano

<strong>Camerata Cornello - Il portico</strong>

Camerata Cornello - Il portico